Ecodesign: riuso e autocostruzione (parte I)

“Nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma”

Il primo principio della termodinamica, o principio di conservazione dell’energia, stabilisce che nulla si crea e nulla si distrugge, ma tutto si trasforma, ovvero che l’energia cambia di forma ma si conserva sempre.

Vorrei partire da questo principio per parlare di eco – design o design sostenibile.
Come in architettura si è diffuso il concetto di riuso e autocostruzione (social housing etc…) possiamo notare la grande ricerca da parte dei designers di tutto il mondo per riuscire ad utilizzare materiali sempre più compatibili (per esempio il cartone) o riutilizzare materiali di scarto di altre lavorazioni per creare un nuovo ciclo di produzione.
I principi fondamentali dell’ecodesign sono:
    1) Materiali sostenibili: materiali non tossici, riciclati o riciclabili
    2) Risparmio energetico
    3) Qualità e durabilità
    4) Design e riciclo
Parlando di riciclo e di riutilizzo di materiali recuperati o recuperabili a bassissimo costo si sta espandendo una’interessante ricerca di riciclo dei pallet che spazia dal semplice riutilizzo “tout court” (magari colorato o unito) alla costruzione di vere e proprie strutture abitative.
I pallet sono le pedane costituite da assi di legno molto utilizzate nell’industria dei trasporti per movimentare materiale di vario genere. Solitamente, dopo l’utilizzo vengono bruciati perché restituirli al proprietario costerebbe di più che comprarne di nuovi. I pallets hanno numerosi vantaggi: sono leggeri, trasportabili, facilmente reperibili, ecosostenibili, costano poco  e sono caratterizzati da misure standard.
Pallet, architettura e sostenibilità
Partendo da questo punto e dal conseguente spreco di un ottimo materiale (il legno) gli austriaci Gregor Pils e Andreas Claus Schnetzer hanno pensato di usare i pallet come materiale da costruzione per la Palettenhaus: tamponature, tramezzi e solai tutti in pallets.

casa palletscasa palletsfoto della Palettenhaus dei due designers Gregor Pils e Andreas Claus Schnetze (via hausderzukunft.at)

Un altro progetto con importanti finalità umanitarie e sociali è il prototipo PALLET HOUSE – MULTIFUNCTIONAL GARDEN SHED OR CABIN costruito per il PRINCE CHARLES’ ROYAL GARDENS nel 2010 a Londra. Lo studio I-Beam Design, fondao nel 1998 da Vini Suzan e Azin Valy si è ispirato dal fatto che l’84% dei rifugiati del mondo potrebbero essere alloggiati con l’approvvigionamento di un anno di pallet riciclati americani.

Il loro prototipo “CASA PER TUTTI” presentato alla Triennale di Milano nel 2008 è stato concepito come un rifugio transitorio per rifugiati che ritornano in Kosovo. In questo caso si voleva risolvere una situazione temporanea e c’era bisogno di un rifugio alternativo alla soluzione tipica tenda. Si tratta di una soluzione economica, efficiente e facilmente realizzabile per risolvere il problema delle persone sfollate a causa di calamità naturali, epidemie, carestie, lotte politiche ed economiche o di guerra. Il progetto può servire non solo i profughi nelle zone disastrate, ma anche come una soluzione modulare, prefabbricata di alloggi a prezzi accessibili in tutto il mondo in grado di migliorare la vita delle persone, l’ambiente e la società. Una struttura semplice pallet si evolve naturalmente da un riparo di emergenza a casa permanente con l’aggiunta di materiali più stabili come, pietra, terra, fango, gesso e cemento.

foto dal sito dello studio I-Bean

Pallet e design

Per gli uffici della Brandbase, agenzia pubblicitaria di Amsterdam lo studio di architettura  Most Architecture ha realizzato l’arredo degli spazi utilizzando un budget di 50.000 euro e solo materiale riciclabile. I pallet in questo caso  sono stati sfruttati per quasi tutto l’arredamento e per costruire una scala che unisce due ambienti su livelli diversi.

Altri esempi di utlizzo dei pallet nell’interior design contemporaneo

tavolo-isola  [via jennyshus]

Gli enologi Ted Osborne e Kim Wedlake hanno aperto una sala di degustazione per i vini di Napa Olabisi, la coppia ha usato materiali riciclati con pallet rigenerati, botti di vino, e tela (via remodelista)

via flickr

via calinteriors

via here

via designspotter

Pallet e materiali da costruzione

In ultima analisi si possono usare le tavole di pallet, opportunamente trattate, anche come materiale da costruzione grezzo per rivestire pareti o creare nuovi pavimenti.

via momandherdrill

foto

2 thoughts on “Ecodesign: riuso e autocostruzione (parte I)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...